Benvenuto in International ISC

Carrello

Offerta!

MILANO – LAVORARE CON I SOPRAVVISSUTI ALL’ABUSO SESSUALE INFANTILE con Christiane Sanderson

300,00 200,00

Date: 22 -23 Febbraio 2020

SEDE Milano

LINGUA Traduzione dall’inglese all’italiano

Accreditamento ECM

QUOTA DI ISCRIZIONE: EURO 300
EARLY BIRD: 200 entro il 30 settembre
SECONDO EARLY BIRD: 250 entro il 30 novembre

 

REGISTRAZIONE

Per l’iscrizione procedere con la registrazione online sul sito
www.international-isc.com, selezionando la modalità di pagamento prescelta (carta di credito o PayPal) oppure con la richiesta del modulo a info@isctraining.com se si preferisse eseguire un bonifico bancario. Per assistenza e informazioni contattare la segreteria all’indirizzo segreteria@isctraining.com, o telefonare al numero 392/8710766.POLITICA DI

CANCELLAZIONE

Qualora la registrazione venisse cancellata, verranno applicati i seguenti criteri:

• per cancellazioni entro tre mesi dall’inizio dell’evento, il rimborso sarà pari al 60% della quota versata;

• per cancellazioni entro due mesi dall’inizio dell’evento, il rimborso sarà pari al 40% della quota versata;

• se la cancellazione non verrà effettuata entro i termini sopra indicati, non sarà garantito alcun rimborso.

 

 

 

Share this product

Descrizione

 

Le attuali ricerche sull’abuso sessuale infantile (ASI) indicano che un solo sopravvissuto su otto denuncia gli abusi subìti, spesso dopo molti anni. Quando sia il sopravvissuto che il terapeuta non sono in grado di riconoscere il legame tra svariati problemi di salute fisica e mentale e una storia di ASI, attuare un intervento terapeutico efficace diventa complesso. Tra le problematiche più comuni presenti nei sopravvissuti a un ASI troviamo dis-turbi legati alla reazione del paziente al trauma, disregolazione emotiva, vergogna cronica, un’ampia gamma di dipendenze, autolesionismo e ide-azione suicidaria, disturbi compulsivi, difficoltà relative alla vita sessuale e alle relazioni interpersonali, disturbi della personalità, malessere persistente a livello somatico, dolore cronico, disturbi autoimmuni e sindrome da fatica cronica. La mancata identificazione della relazione tra i sintomi riferiti dal paziente e una storia di ASI comporta un pericolo significativo: se l’ASI rimane nascosto, la sintomatologia del paziente potrebbe essere mal interpretata, il che potrebbe causargli problemi pervasivi sia a livello fisico che mentale. È quindi fon-damentale che i clinici che operano in diversi setting relativi alla saluta fisica e mentale siano a conoscenza dell’impatto e degli effetti a lungo termine dell’ASI; inoltre, per poter intervenire in modo appropriato, è essenziale che siano in grado di riconoscere come l’ASI si manifesta in svariati contesti clinici.

Per poter affrontare efficacemente le sfide derivanti dal trattamento di questi pazienti, i clinici hanno bisogno di conoscere: una serie di tecniche terapeutiche che utilizzino sia approcci top-down che bottom-up; strate-gie non verbali, tra cui arte terapia e terapia del gioco; tecniche sensomotorie che consentano ai sopravvissuti di vivere nel presente anziché essere catapultati nel pro-prio passato traumatico. Questo seminario – rivolto principalmente a psicotera-peuti, counselor, psicologi e psichiatri – punta a miglio-rare la comprensione dell’ASI, nonché del suo impatto e degli effetti a lungo termine sui sopravvissuti. Inoltre, punta a spiegare in che modo i clinici possono lavorare efficacemente utilizzando i principi di una terapia del trauma sicura, la psicoeducazione e la stabilizzazione per aiutare il paziente a riprendere il controllo ed elaborare la narrazione relativa all’ASI. Grazie all’utilizzo di numerosi esempi clinici, il seminario consentirà ai partecipanti di acquisire abil-ità volte a favorire l’attivazione dell’emisfero destro, enfatizzando inoltre l’importanza della relazione terapeutica per favorire lo sviluppo della resilienza alla vergogna e facilitare la crescita post-traumat-ica. Durante il seminario, verrà analizzato anche l’impatto del lavoro con i sopravvissuti sui terapeuti: a questo proposito, verrà spiegato come minimizzare il rischio di traumatizzazione vicaria e di stress traumatico secondario attraverso un’adeguata cura di sé. Dopo aver identificato le diverse abilità terapeutiche e le sfide connesse al lavoro con i sopravvissuti a un ASI, i clinici sentiranno di avere più strumenti per lavorare con questi pazienti e saranno in grado di apprezzare maggiormente gli effetti trasformativi della crescita post-traumatica, sia per il paziente che per il terapeuta stesso. La prima giornata del corso sarà dedicata alla comprensione della natura e delle dinamiche dell’ASI e del trauma complesso, nonché del loro impatto sull’individuo. Verranno analizzate le principali sfide relative all’assessment dell’ASI, tra cui gli ostacoli che impediscono al paziente di rivelare gli abusi subìti, le diagnosi errate e i disturbi in comorbidità, evidenziando la necessità di una formulazione collaborativa del caso. La seconda giornata sarà dedicata, invece, alle migliori prassi per lavorare con i sopravvissuti all’ASI, utilizzando un trattamento orientato per fasi, focalizzato sul trauma, che promuova la stabilizzazione, l’elaborazione e l’integrazione. In particolare, verrà ribadito che questo modello focalizzato sul trauma risulta ancora più efficace se supportato da un approccio relazionale, in cui reciprocità e connessione vengono considerate prioritarie per la creazione di una relazione terapeutica collaborativa e non gerarchica. L’utilizzo di queste tecniche terapeutiche è finalizzato a ridurre la replicazione delle dinamiche di potere, controllo e vergogna che risultano spesso assiomatiche nei casi di ASI e trauma complesso. Infine, saranno esaminati aspetti relativi alla co-creazione e alla gestione delle impasse terapeutiche, nonché alle strategie da adottare per minimizzare la vergogna e un’ulteriore traumatizzazione.

 

OBIETTIVI DEL CORSO

• Comprendere la natura e le dinamiche dell’ASI. Identificare i diversi contesti in cui può un avere luogo un ASI: la famiglia, la scuola, lo sport, i contesti istituzionali o religiosi, le comunità di fede.

• Identificare le tipologie di bambini più a rischio.

• Identificare i possibili perpetratori di un ASI, tra cui genitori, nonni, fratelli/sorelle, cugini, altri membri della famiglia, pari, sacerdoti, insegnanti, allenatori, nonché pedofili opportunisti.

• Comprendere le dinamiche del processo di adescamento, il ruolo del silenzio e della segretezza, il legame traumatico e la distorsione della realtà.

• Analizzare il ruolo della vergogna nell’ASI.

• Concepire l’ASI come trauma e comprendere il suo impatto sull’individuo a livello neurobiologico.

• Evidenziare le principali sfide, a livello clinico, relative alla concettualizzazione del PTSD (es. PTSD subsindromico, PTSD complesso, diagnosi errate e comorbidità).

• Comprendere il ruolo della dissociazione nei casi di ASI, identificare i principali disturbi dissociativi e la cancellazione del corpo.

• Comprendere l’impatto psicologico e gli effetti a lungo termine dell’ASI, tra cui difficoltà a livello relazionale e sessuale, comportamenti compulsivi, ruminazione, dipendenze, autolesionismo; comprendere l’impatto dell’ASI sulla genitorialità.

• Analizzare la trasmissione intergenerazionale dell’ASI e il ruolo della resilienza.

• Conoscere le diverse scale di valutazione.

• Comprendere in che modo giungere a formulazione collaborativa del caso.

• I modelli terapeutici da utilizzare per lavorare con i sopravvissuti all’ASI.

• Identificare i principi fondamentali del modello focalizzato sul trauma che enfatizza  un approccio orientato per fasi, in grado di promuovere la stabilizzazione, l’elaborazione e  l’integrazione.

• Sottolineare l’importanza di adottare un approccio relazionale.

• Sottolineare il bisogno di sintonizzazione, reciprocità e connessione per creare  una relazione terapeutica collaborativa e non gerarchica.

• Comprendere come gestire la vergogna all’interno dello spazio terapeutico; comprendere l’interazione tra la vergogna del paziente e quella del terapeuta; imparare a sviluppare una resilienza alla vergogna e a ripristinare un orgoglio autentico nei confronti di sé stessi.

• Capire come minimizzare le dinamiche di potere e controllo, nonché la ritraumatizzazione del paziente.

• Imparare a “stare con” anziché “fare a”.

• Utilizzare sia forme di elaborazione top-down che bottom-up (per esempio, approcci non verbali, arte terapia e terapia del gioco, tecniche sensomotorie).

• Comprendere la co-creazione delle impasse terapeutiche e imparare a gestirle.

• Analizzare l’impatto di eventuale materiale non elaborato dal terapeuta sul suo lavoro e la dissociazi-one all’interno della relazione terapeutica.

• Analizzare il “costo” della terapia in termini di traumatizzazione vicaria, burnout, fatica da compas-sione e stress traumatico secondario.

• Enfatizzare l’importanza della self-care per il terapeuta.

• Sottolineare l’importanza della crescita post-traumatica e della crescita post-traumatica vicaria.


 

Christiane Sanderson

è docente di Psicologia presso la University of Roehampton. Da oltre trent’anni, la Dott.ssa Sanderson lavora con i sopravvissuti all’abuso sessuale infantile e si occupa di traumi interpersonali e abusi domestici. Ha lavorato come consulente e Trainer in diversi contesti, affiancando genitori, insegnanti, assistenti sociali, infermieri, tera-peuti, counselor e avvocati; ha collaborato, inoltre, con svariati enti tra cui il Catholic Safeguarding Advisory Committee, la Chiesa Metodista, il Metropolitan Police Service, la National Society for the Prevention of Cruelty to Children (NPCC), il Refugee Coun-cil e ha lavorato anche in centri di detenzione. La Dott.ssa Sanderson è autrice di numerose pubblicazioni, tra cui: “Counselling Skills for Working with Shame”; “Counselling Skills for Working with Trauma: Healing from Child Sex-ual Abuse, Sexual Violence and Domestic Abuse”; “Intro-duction of Counselling Survivors of Interpersonal Trauma”; “Counselling Survivors of Domestic Abuse”; “Counselling Adult Survivors of Child Sexual Abuse, 3rd Edition”; “The Seduction of Children: Empowering Parents and Teachers to Protect Children from Child Sexual Abuse”, edite da Jes-sica Kingsley Publishers. A questi volumi si aggiungono anche: “The Warrior With-in: A One in Four Handbook to Aid Recovery from Childhood Sexual Abuse and Sexual Violence”; “The Spirit Within: A One in Four Handbook to Aid Recovery from Religious Sexual Abuse Across All Faiths”; “Responding to Survivors of Child Sexual Abuse: A pocket guide for professionals, partners, families and friends” e “Numbing the Pain: A pocket guide for professionals supporting survivors of child-hood sexual abuse and addiction”, pubblicati dall’associazione One in Four.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “MILANO – LAVORARE CON I SOPRAVVISSUTI ALL’ABUSO SESSUALE INFANTILE con Christiane Sanderson”

13 − otto =

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta i cookie" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi